Disturbi dell'apprendimento, sconto fiscale per le spese

Nel 730 si può detrarre il 19 per cento di quanto investito in favore di minori o maggiorenni (con diagnosi certificata) per l'acquisto di strumenti e sussidi per la comunicazione e l'istruzione. Per chiarimenti e informazioni, rivolgersi ai Caaf Cgil

Un’agevolazione fiscale ancora poco conosciuta, ma utilissima per chi deve fare la dichiarazione dei redditi, è quella relativa alle spese sostenute in favore dei minori o dei maggiorenni con diagnosi di disturbo specifico dell'apprendimento (Dsa). Questi disturbi sono quelli che interessano alcune specifiche abilità dell’apprendimento scolastico, come l’abilità di lettura, di scrittura, di fare calcoli.

A partire dal 1° gennaio 2018 è possibile detrarre un importo pari al 19 per cento di queste spese sostenute, per se stessi o nell'interesse dei familiari a carico, fino al completamento delle scuole superiori (secondaria di secondo grado). La detrazione è riconosciuta per l’acquisto di “strumenti compensativi” e di “sussidi tecnici e informatici” necessari all'apprendimento, nonché per l’uso di strumenti compensativi che favoriscano la comunicazione verbale e anche l’apprendimento delle lingue straniere.

Ma cosa sono gli “strumenti compensativi”? Sono quegli strumenti didattici e tecnologici che sostituiscono o facilitano la prestazione richiesta nell'abilità deficitaria. Tanto per essere chiari: la sintesi vocale, che trasforma un compito di lettura in un compito di ascolto; il registratore, che consente all'alunno di non scrivere gli appunti della lezione; i programmi di videoscrittura con correttore ortografico, che permettono la produzione di testi sufficientemente corretti senza l’affaticamento della rilettura e la contestuale correzione degli errori; la calcolatrice, che facilita le operazioni di calcolo; altri strumenti tecnologicamente meno evoluti, come le tabelle, i formulari o le mappe concettuali.

E i “sussidi tecnici e informatici”? Sono tutte le apparecchiature e i dispositivi basati su tecnologie meccaniche, elettroniche o informatiche. Ad esempio i computer, necessari per i programmi di videoscrittura, appositamente fabbricati o di comune reperibilità, preposti a facilitare la comunicazione interpersonale, l’elaborazione scritta o grafica, l’accesso alla informazione e alla cultura.

Concludiamo con i requisiti necessari per ottenere la detrazione. Innanzitutto il beneficiario deve essere in possesso di un certificato rilasciato dal Servizio sanitario nazionale che attesti - per sé o per il familiare fiscalmente a carico - la diagnosi di disturbo specifico dell’apprendimento e i sussidi e/o strumenti compensativi collegati. La diagnosi dei Dsa è effettuata nell'ambito dei trattamenti specialistici assicurati dal Servizio sanitario nazionale. Se nel territorio non è possibile realizzare tale diagnosi nell'ambito dei trattamenti specialistici erogati dalle Asl, le Regioni possono prevedere che la medesima diagnosi possa essere effettuata da specialisti o da strutture accreditate. Inoltre, il collegamento funzionale tra i sussidi, gli strumenti compensativi e il tipo di disturbo dell’apprendimento diagnosticato deve risultare dalla predetta certificazione o dalla prescrizione autorizzativa rilasciata da un medico. Infine, le spese sostenute devono essere documentate da fattura o scontrino fiscale, nel quale devono essere indicati il codice fiscale del soggetto affetto da Dsa e la natura del prodotto acquistato o utilizzato.