Imposte, si versano fino al 30 giugno

Fissata a fine mese la scadenza per il saldo 2016 e il primo acconto per l'anno in corso da parte dei contribuenti che presentano la dichiarazione con modello “Redditi 2017”. Demandata al 31 luglio la possibilità di pagare con una maggiorazione

Scade il 30 giugno il termine per versare le imposte a titolo di saldo 2016 e primo acconto 2017, senza incorrere in alcuna maggiorazione, da parte dei contribuenti che presentano la dichiarazione con modello “Redditi 2017”. È demandata invece al 31 luglio (il 30 luglio è domenica) la possibilità per gli stessi contribuenti di pagare le imposte con una maggiorazione dello 0,40 per cento.

Il pagamento diretto da parte del contribuente e sempre negli stessi termini è previsto anche per coloro che presentano la dichiarazione con Modello 730, ma che non hanno un datore di lavoro o ente pensionistico; si tratta quindi di contribuenti che, pur potendo utilizzare il Modello 730, sono però privi di un sostituto d’imposta che effettui le operazioni di conguaglio.

È bene ricordare che scade il 7 luglio il termine per presentare a un Caf la dichiarazione attraverso il modello 730 che consente: a chi è “a credito”, di ottenere il rimborso direttamente nella busta paga di competenza di luglio, ovvero nella rata di pensione in pagamento ad agosto/settembre; a chi è “a debito” di non dover effettuare alcun pagamento diretto in quanto le somme dovute saranno trattenute nello stipendio, ovvero nella pensione negli stessi tempi previsti per il pagamento dei crediti.